parliamodiaustralia

L'avventura di una famiglia expat in Australia (forse)


6 commenti

Sosta ai box per “riparazione” marito!

Pochi minuti dopo aver scattato questa bellissima foto, G è stato investito sugli sci da un delinquente delle nevi che andava dritto a bomba e l’ha travolto da dietro, facendogli fare un volo in avanti e fratturandigli la clavicola in 4 pezzi 😱. 

Tutto questo avveniva lunedì 8 Gennaio, primo giorno della nostra fuga romantica a due in Val Gardena!

I giorni a seguire non sono stati dei più rilassanti, ma hanno incluso: trasferimento in ambulanza all’ospedale di Bressanone, dopo aver rischiato di andarci in elicottero che è atterrato lì vicino per effettuare un altro soccorso. Ritorno in hotel col taxi, un giorno in hotel bloccati causa strade chiuse, viaggio di ritorno via Bolzano con la sottoscritta alla guida in Italia dopo circa 8 anni. Visita prericovero a milano con ulteriore corsa al pronto soccorso perché un frammento dell’osso si era spostato causando dolori atroci (e avrebbe potuto pure perforare un polmone). Ovviamente sempre io alla guida!

Intervento in anestesia totale che non è sempre fonte di serenità, 3 gg di degenza e finalmente lunedì 12 gennaio l’ho riportato a casa con una placca da 9,5 cm nella spalla. 

Come stiamo? Diciamo che abbiamo fatto il giro dei sentimenti circa 600 volte, ora cerchiamo di goderci 10 giorni extra a Milano tra shopping e giretti culturali.

Il mio spirito positivo ha vacillato assai, poi mi sono ripresa e vivo alla giornata, nel senso che ho il rifiuto a prenotare impegni futuri, dopo averne disdetti e cambiati circa 60 in due giorni. 

Ho tanta voglia di tornare a casa a Perth, ma anche tanta “paura” a volerlo troppo. 😶

Intanto ho posticipato di una settimana l’inizio del mio nuovo lavoro, perché dopo un mese e mezzo in Italia, proprio non me la sentivo di atterrare a Perth giovedì e lunedì andare bel bella in ufficio. Proprio NO! E visto che sto imparando a seguire il mio istinto, mi è sembrato saggio farlo anche in questo caso. 😋

Che dire, buon 2018 a tutti…e speriamo che le prossime sorprese siano più piacevoli 🤘🤘! 

Annunci


6 commenti

Le Vacanze Italiane 

Le Vacanze Italiane sanno essere “tricky” ovvero sulla carta  sembrano essere facili, ma in realtà a volte ci giocano dei trabocchetti, da cui l’aggettivo “tricky”!

I “miei” monti

Sono “tricky” perché ci sono una marea di variabili in atto: emotive, di stanchezza, di coordinamento di visite e saluti di parenti ed amici, di gestione intra familiare, delle figlie che nel frattempo sono cresciute ma lontane dall’Italia e così anche loro sono un po’ stordite. Ma principalmente sono “tricky” per me, perché anche io sono cresciuta e cambiata rispetto alla me che stata in vacanza al mare in Italia 18 mesi fa e ben 24 mesi fa in montagna!!!

Aspettando Babbo Natale

Ora che siamo già a metà delle nostre 4 settimane di vacanza, mi pare di aver raggiunto un buon equilibrio e di sentirmi finalmente in vacanza! Anche prima lo ero, ma ero talmente travolta dagli eventi che procedevo più che altro per inerzia! 😂😂

La più forte da osservare in queste vacanze è ovviamente 3G, che non si ricorda molto del nostro viaggio di due Natali fa qui in montagna in Italia e pare davvero una piccola australiana che vede per la prima volta la neve 😍

La prima volta di 3G sugli sci 🎿

Già lungo la strada verso la montagna abbiamo incominciato a vedere la neve e 3G l’ha subito toccata col sedere facendo un grande scivolone fuori dal ristorante a pranzo. E si è subito incaxxata!

Quando eravamo a Genova era rimasta allibita alla vista del termosifone, oggetto sconosciuto a Perth. In montagna la magia del riscaldamento a pavimento l’ha stregata ancora di più e devo dire che insieme alle piastrelle del bagno ed ai doppi vetri, ho avuto anche io dei momenti di commozione! 😂

Sole, neve e sci: il massimo!

2G pare invece super serena ed ha un unico interesse: stare coi nonni! Che sia sul divano a vedere le gare di sci o sulle piste a sciare per davvero, lei vuole una sola cosa: i nonni!

Io ho attraversato varie fasi in soli 15gg 🤔

Appena atterrata ero entusiasta, per il fatto di essere atterrata, abbracciare i miei genitori, gustare cappuccio e brioche tutti insieme ed andare subito a Genova dalla mia grande amica e supporter C. 

Il legno di montagna: quanto mi manca laggiù 🙃

Poi il jet lag mi ha travolto, il mio cervello ha chiuso la “claire” sulla mia vita a Perth ed io mi sono sentita risucchiata a 3 anni fa, quando ancora vivevo a genova. È stato stranissimo, anche la mia parrucchiera di fiducia mi ha fatto il “solito” taglio, così mi guardavo allo specchio e non mi rivedevo più. Ricevere le chat dalle mie amiche di Perth era quasi una sorpresa. Non lo so, è stato proprio strano. Forse il sapere di avere 4 settimane di vacanze ha messo in stand by il mio cervello! Chissà. Però che bello riabbracciare gli amici di Genova 😍. 

Una piadina degna di questo nome!

Pensavo che il trasferimento in montagna a sciare mi avrebbe fatto entrare in modalità vacanza ed invece tra l’influenza intestinale ed il cambio di nonni, sono andata avanti per inerzia altri 5gg. Apprezzando lo sci ed il buon cibo, ma non quanto avrei voluto. 

Il Bombardino è sempre una certezza 😋

Da un paio di giorni sto finalmente bene! Il mio cervello ha riaperto la claire sul mondo di Perth, so bene quali sono le sfide ed i miei obiettivi per questo 2018 e mi sto finalmente godendo appieno le 2 settimane di vacanze italiane… che già mi sembrano poche 😂. 

Buffa la mia testa, vero?!!? 

E voi come vivete le vacanze in terra italica? 

Pronti per un bel brindisi?!!?

Intanto un super augurio per uno sfavillante 2018 🎆🎇🎉


10 commenti

Buongiorno Italia! 

Dopo 20 ore e poco più di viaggio, eccoci approdati in Italia 😍.

Il viaggio è andato bene, io non ho avuto attacchi di agitazione o di paura, ma mi sono fatta coinvolgere dall’entusiasmo di 3G che era così felice di prendere l’aereo e di poter volare. E così ho “volato” anche io con lei. Certo, eravamo seduti di nuovo difianco all’ala porca paletta, ma 3G era cosi entusiasta di vedere il panorama e le lucine, che alla fine è piaciuto anche a me!

Piccola viaggiatrice in scalo a Singapore

Lo scalo a Singapore è stato rapido, nonostante 1 oretta di ritardo, ed il volo di notte verso Milano è stato “facile” anche perché alcuni sedili difianco a noi erano liberi e le bimbe si sono sdraiate. 

Il mitico Cappon Magro della Zia

 

Ad attenderci fuori dagli arrivi alle 7am c’erano i miei genitori, tanto imbacuccati quanto raggianti di riabbracciarci dopo 12 lunghi mesi. Caffè e brioche di rito e poi via verso Genova. 

Il Porto Antico di Genova

La tappa a Genova è stata breve ma super densa tra amici, parenti, shopping e pure un po’ di influenza intestinale mista a jet lag con sveglie in piena notte, ma tutto sommato è andata alla grande!

Boccadasse

Io ho potuto passare due intere giornate con la mia grande amica C, 2 giorni ogni 18 mesi sono davvero pochi, ma si fa quel che si può. Dopo averla salutata mi sono ritrovata in lacrime sull’autobus verso casa, perché fa male salutare le persone a cui si vuole bene, soprattutto quando sai che stanno affrontando tantissime sfide e la tua presenza gli sarebbe di grosso aiuto. Lei però è una grande ed appoggia in modo assoluto la nostra avventura in Australia che mi/ci sta facendo bene!

Il Monte di Portofino

Cosi mi sono nuovamente ripromessa di darmi da fare laggiù e di non ricadere nei soliti vecchi schemi, ma di far valere al massimo la fatica di vivere lontano da tutti i nostri affetti più grandi. 

Boccadasse by night

Grazie alla nonna genovese, ho avuto anche il tempo di fare due passi da sola e di salutare i miei luoghi del cuore a Genova: il centro storico ed il borgo di Boccadasse. I luoghi che sono stati casa per 4 anni e dove il sogno australiano ha preso vita. 

L’ho detto che mi piace 😋

Ora siamo diretti in montagna dai miei genitori, dove passeremo il resto della vacanza, tra neve, sci, paesaggi da favola e cibo da urlo. 

Fooooormaaaaaggggioooooo! 😍

Buon Natale a tutti!


2 commenti

Grazie 2017 e Grazie WA

Ho imparato tante cose in questo 2017 stando a testa in giù! 😂

Gli splendidi tramonti del Western Australia

Le più importanti sono sicuramente aver imparato a dire grazie, a non giudicare gli altri anche se fanno o si comportano in modo assurdo (e qui in WA ne succedono di cose assurde 😝), ad ascoltare me stessa e a “combattere” per le mie priorità!

Le mie piantine: la prima volta che metto alla prova il mio rinomato pollice nero!

Il WA mi ha insegnato che le cose si possono ribaltare completamente nel giro di mezz’ora ed è impossibile controllarle, come cercavo di fare io! È possibile invece definire dei paletti e cercare di trovare un equilibrio in questi spazi.

La passione di 2G per i tuffi!

E così mi ritrovo sulla spiaggia, davanti al mio amato Oceano,  sveglia dalle 5am per vari motivi, ma serena e pronta per firmare l’offerta per un nuovo lavoro.

Ultimo giorno per 3G al Kindy: ce l’abbiamo fatta!

Un lavoro completamente diverso, ma sempre nell’ambito dell’ambiente che io amo. Offerta che è arrivata dopo un anno di ricerca, di messa in discussione,  di grande impegno ma anche di tanto Oceano e tempo per me stessa, per capirmi e per volermi bene. Un lavoro che non è un punto di arrivo, ma un’altra tappa di un percorso di crescita personale e professionale. Perché il lavoro ed il titolo non sono tutto, anzi, sono solo dei piccoli frammenti della mia persona. E questa è un’altra delle grandi cose che ho finalmente imparato! 

Il mio primo snorkeling in WA

Tra 2 giorni saremo su un aereo per l’Italia, a riabbracciare le nostre famiglie, a condividere le nostre splendide bimbe e a farle conoscere/ritrovare la neve, gli sci, il buon cibo, la cultura, le città, i negozi e tutto quello che di diverso al WA ha da offrire l’Italia.

Il bello dei due emisferi, anche a Natale 😍

Due mondi completamente agli antipodi che abbiamo la fortuna di poter vivere!

Grazie 2017 e grazie WA!

Grazie a voi per seguirmi e Buon Natale! 


3 commenti

Sono fiera di me e di noi! 

Di solito a fine anno mi viene naturale fare analisi e bilanci di quello che è stato. 

Colazioni all’alba in solitaria😍

Questa volta invece non vorrei farlo ma darmi una bella pacca sulla spalla e dirmi: “complimenti, sono fiera di me e di noi”!

Non tanto per i risultati raggiunti, anche perché “chi si loda si imbroda”, ma per il modo in cui li abbiamo raggiunti ed abbiamo gestito i successi ma anche le tante difficoltà ed alcune sconfitte.

Eventi con le UNAAWA. PS: Speravate fossi io nella foto? Mi spiace, non sono ancora pronta 😊)

È tutto un insieme di cambiamenti e consapevolezze che mi fanno sentire bene e più padrona delle mie scelte e delle mie reazioni. Noto tantissimi spunti derivanti dallo yoga e mi sto accorgendo di riuscire pian piano ad applicare alcuni insegnamenti nella mia vita quotidiana: sono meno rigida, più aperta ai cambiamenti e cerco di trovare la chiave positiva nelle piccole e grandi questioni quotidiane.

La mia “Mood Board”

Ovviamente non ci riesco sempre, a volte mi incaxxo con me stessa, con gli altri e pure con la sfiga, però sto imparando a ritrovare un mio equilibrio e ad accettare anche i momenti di sclero!

Sto anche imparando tante cose da donne più grandi di me, un elemento che prima mancava totalmente nella mia vita. Ed è molto bello!

Parata di Natale con l’elicottero dei Surf Life Saving

Una di queste nuove amiche mi ha detto che sto diventando più saggia… Ed è  il bello di andare verso i 40…chissà 😉 

Anche se fuori ci sono 35 gradi… È pur sempre Natale ed io ho bisogno di un cappuccino ogni tanto 😂

Buona neve e buon mese di Dicembre!

Ps: il marito genovese ce l’ha fatta: ha reso la me milanese dipendente dall’acqua, ma soprattutto dall’Oceano 🤣


6 commenti

8 anni, bambina mia! 

8 anni sono un bel numero tondo, bambina mia! 

8 anni di piccole e grandi conquiste, ma è in questo ultimo anno in cui mi sono accorta di quanto sei cresciuta e di quanto indipendentemente stai diventando! Ed è bello vederti prendere il volo così, anche se a volte mi lascia senza fiato….

Senza fiato nel correrti dietro quando vai in bicicletta veloce o con i rollerblade, senza fiato quando ti vedo tuffarti dal trampolino dei 3 metri o nuotare nell’oceano coi nippers o con il tuo papà, senza fiato quando fai le tue scenate isteriche e vorrei urlare fino a farti smettere… Ma non è la soluzione giusta e quindi mi trattengo 😂!!!

Hai chiesto anche di imparare a suonare il piano!

È bello vederti ogni giorno più sicura nel fare le tue scelte e nel parlare con le persone, anche quelle sconosciute, gioire delle tue conquiste e supportarti nelle tue delusioni e arrabbiature. Vederti correre come il vento con quelle gambone lunghe ed ascoltarti dormire (e russare) nel tuo lettone enorme in camera da sola. Mi devo ancora abituare al fatto che vuoi attraversare la strada senza che io ti dica niente e che non ti vuoi più cambiare negli spogliatoi misti per le famiglie ma solo in quelli delle donne! 

In cerca di vestiti da signorina

Ecco, se potessi vorrei rallentare un po’ il tempo, perché questa fase in cui sei via via più indipendente ma ancora mi guardi con grande ammirazione vorrei continuasse ancora un po’ ed ammetto che ho un po’ paura della fase successiva. Quella in cui mi dirai “ma mamma, tu non capisci (niente)” e mi chiuderai fuori dal tuo mondo. Chissà, magari l’adolescenza non sarà così traumatica come la ricordo io e riusciremo ancora a divertirci insieme 😍.

Il tesoro con dobloni di cioccolata per la caccia al tesoro che ho organizzato per la tua festa!

Intanto godiamoci il presente e portiamoci nel cuore questa settimana appena trascorsa di super festeggiamenti! 

Tanti auguri bambina mia! 


6 commenti

Magari un nuovo tatoo… 

La vita quaggiù è tanto bella quanto surreale!

Stamattina per esempio (sabato), ho messo la sveglia alle 6am, ho salutato le bimbe che già erano sveglie per la luce, nonostante i miei schermi alle finestre, ho preso l’auto e sono andata a Cottesloe a fare yoga, dalle 6,45am alle 8,15am.

Schermi casalinghi per il sole ad ovest che brucia!

E non solo io uso gli schermi per il sole 🤗

Poi sono venuta davanti all’oceano, mi sono presa un cappuccino d’asporto (rigorosamente nella mia tazza in vetro riutilizzabile e non quelle usa e getta) e sono venuta a berla davanti all’oceano.

La mia inseparabile KeepCup 😉

Cottesloe mi ricorda molto il ritmo e la natura di Mondello, vicino a Palermo…peccato che a Mondello non suonino l’allarme per avvistamento squali come a Cottesloe 😂. E a Cottesloe, ahimè,  non ci siano pane e panelle & co 😋. 

Nel frattempo G e le bimbe stanno facendo colazione. Tra poco io li passerò a prendere, finirò di preparare il picnic per pranzo, faremo un paio di commissioni e poi porteremo 3G al corso di nuoto e 2G al corso di tuffi. Da lì ancora al mare e nel frattempo G andrà a fare Kytesurf al fiume.

Mercoledì mi sono regalata una nuotata in pausa pranzo 😍

Stasera pizza con amici in un parco così bimbe possono fare gli scivoli e lasciarci fare due chiacchiere.

In fondo è un sabato qualunque per noi, non abbiamo fatto nulla di eccezionale o forse tutto è eccezionale… Ecco io in questo momento non so se questo sia tutto un film, se sia la nostra nuova realtà o se sia solo la nostra quotidianità in questo particolare periodo della nostra vita e poi chissà!

Primi tramonti!

Pensate che a volte ho talmente la certezza che tutto questo sia irreale, che mi viene voglia di farmi un piccolo tatuaggio per ricordarmi un giorno, tipo scena da film, che questo capitolo della nostra vita in Australia è avvenuto veramente…

Lo so, sono una romanticona… E probabilmente un giorno (speriamo 🤞) aprire il cassetto e controllare che ci sia per davvero il passaporto australiano avrebbe la stessa funzione… Ma vuoi mettere come sarebbe molto più figo un tatoo 😜

Intanto l’agitazione per le vacanze in Italia sta aumentando, perché sono 18 mesi che non rientriamo e la botta sarà come sempre forte…speriamo in senso positivo 😉

Buon weekend a tutti!