parliamodiaustralia

L'avventura di una famiglia expat in Australia (forse)


3 commenti

Imparare a scegliere

Fino a poco tempo fa, fare una scelta era per me una cosa difficilissima. Questo era dovuto a tanti fattori diversi correlati tra loro, tra cui un grande senso del dovere, il desiderio di non volere mai “deludere” nessuno, ma anche un certo gusto per le sfide.

L’ esperienza australiana sta contribuendo ad invertire questa rotta per me deleteria, un po’ perché sto finalmente imparando ad ascoltare me stessa, un po’ perché qui siamo da SOLI e so perfettamente che se io crollo siamo nella M…. più totale 😵.

La mia migliore amica Downunder si è sposata sabato. Lei è la mia famiglia quaggiù, quella su cui so di poter sempre contare e che mi aiuta a capire questo mondo capovolto. Lei è il vero motivo per cui non lascio questo quartiere e questa scuola 😉

Cosi sono bastate 2 settimane senza nonna Z e 4 settimane di lezione per capire che ho decisamente troppi impegni e non voglio andare avanti così.

Lavorare durante il weekend e durante la settimana, svenire nel letto la sera senza forze dopo aver fatto un miliardo di cose incluso aver lavorato (ancora!) e preparato i lunch box del giorno dopo ed alzarmi alle 6 del mattino col pensiero di come poter incastrare tutto, non va bene. O meglio l’ho fatto per tanti anni, ce l’ho sempre fatta e potrei farcela anche questa volta….ma ho deciso che non voglio più farlo!!!

Cosi come ho deciso di lasciare il lavoro di progettista perché costruire l’ennesimo edificio di cemento di infima qualità mi fa venire la nausea, così ho deciso che tra le mille attività di cui mi sto occupando, ne devo lasciare almeno una. Sono tutte attività che singolarmente mi piacciono, ma tutte insieme diventano un incubo.

Il mio ecomostro, ovvero il progetto di cui sono stata responsabile 2 anni fa. Ovviamente non è tutta farina del mio sacco, ma mi sento lo stesso responsabile. Speravo non lo costruissero mai ed invece l’hanno fatto. L’ho visto weekend scorso per la prima volta, ho avuto i brividi e mi sono detta: “mai più!” 😩

Il bastoncino corto è stato “vinto” dal mio lavoro di insegnante nel corso di interior designer, perché nonostante mi piaccia e mi richieda poco lavoro di sistemazione delle lezioni perché sono gli stessi corsi dell’anno scorso, mi richiede però un’intera mattinata di insegnamento ed in questo momento quelle ore sono per me vitali per recuperare le ore che ho tagliato dal mio lavoro principale per andare a prendere le bimbe a scuola. Quelle ore al giovedì mattina sono anche una valvola di sfogo personale per un caffè davanti all’oceano per ossigenare il cervello ed occuparmi delle diverse attività di volontariato a cui tengo molto. Ed è giusto ricordare che in Australia il volontariato è considerato importante quanto un lavoro.

Le opere di 3G valgono molto di più la pena 😍

Il lavoro da insegnante non ha nemmeno un futuro perché la sede di Sydney ha deciso di interrompere il corso di studi a Perth. Vedo poche possibilità di passare ad insegnare al TAFE ed ho già provato e scartato in passato l’opzione di insegnare online perché è alienante.
Ora sta a me controllare le clausole del mio contratto casual da insegnante, trovare tempi e modi per comunicarlo al mio responsabile, garantendogli comunque la mia presenza fino alla fine di questo term. Mancano ben 2 mesi, ma già aver scelto ascoltando il mio istinto mi fa stare nettamente meglio 😊.

“A black spot could be…”

Avanti tutta e buona domenica!
Annunci


7 commenti

1 mese a lavoro

Oggi ho festeggiato il mio primo mese a lavoro ed ho ottenuto il martedì libero per prendere le bimbe a scuola. Certo le 2h che perdo le devo recuperare in qualche modo durante la settimana, ma mi sento di farcela!

Quello che non mi aspettavo invece, è stata la “downa” che mi è calata a seguito della partenza di Nonna Z. Un misto tra atavica stanchezza, umore nero e dubbi esistenziali del tipo: “ma che senso ha che io mi sbatta a lavorare, se tanto poi non ci compriamo nemmeno una casa? Per mettere i soldi in banca???” unito all’annoso tema del “ma che senso ha vivere quaggiù lontano da tutti, se poi la sera siamo così stanchi che sveniamo nel letto alle 9,30pm?”

Insomma, da un paio di giorni è un piacere starmi accanto😂😂.

Spero che il malumore passi con lo yoga di domani e che io impari a gestire meglio queste fasi… Perché fondere un minipimer ogni volta che la mia testa si infissa sulla dilemma del “comprare o non comprare casa” non è economicamente sostenibile!!!

Che poi lo so che il desiderio di comprare casa è solo dettato da un desiderio di stabilità che si raggiunge a prescindere da quattro mura… Ma a volte mi parte l’embolo ed è difficile controllarlo 🙄

Post senza senso, come la mia stanchezza. In WA lunedì è Labour Day (festa dei lavoratori). Oceano per favore tirami su il morale 😍


1 Commento

La cartina tornasole

Lo yoga è la mia “cartina tornasole”. Se nella testa ho mille pensieri, sono agitata e non riesco a rilassarmi, a yoga faccio schifo! Non riesco a tenere le posizioni, cado negli equilibri e faccio una fatica della miseria!

Cosi è stata la scorsa settimana, con il ritorno a scuola delle bimbe, G a lavoro, già in trasferta/sotto pressione e dulcis in fundo io che ho iniziato il mio nuovo lavoro quasi full-time. Risultato: ero isterica ed il solo pensiero era come riuscire a ridurre le mie ore in ufficio…non un ottimo inizio!!!😵

Oceano dove sei?!!?

Per fortuna la precedente esperienza di quasi 3 anni fa mi è tornata utile, unita alla presenza di nonna Z che si occupa dei pomeriggi dopo la scuola, eliminandomi il pensiero di trovare una tata, di spiegargli di nuovo tutto e di sperare che duri per più di un mese!!!
Cosi sono sopravvissuta alla prima settimana di lavoro, ho avuto la riconferma che sono ancora in grado di parlare al telefono e mandare email di lavoro e di partecipare a riunioni di progetto in uno studio di architettura “fancy”. Solo che questa volta lo faccio come consulente ambientale in ambito waste (Rumenta), che è la mia nuova passione da circa un anno!

Fuga in pausa pranzo in cerca di un po’ di aria fresca!

Ad una prima impressione, il lavoro non è molto “creativo” e per la maggior parte delle attività segue un processo ben definito e devo dire che la cosa non mi turba affatto, anzi! La fatica fatta nel 2015/2016 in un grosso studio di architettura in cui capivo poco ed ero super sotto pressione mi sta tornando molto utile, insieme all’esperienza dell’anno scorso nel campo delle relazioni tra persone. Mi sento molto più a mio agio ed ho molta più fiducia in me stessa.💪
La mia priorità rimane comunque il mio benessere personale ed il mio equilibrio tra famiglia e lavoro. Non avrei intenzione di prendere un’altra au pair, né di lavorare di notte per preparare le lezioni per il mio corso che ho mantenuto una volta a settimana. Andare a prendere le bimbe a scuola è per me sempre una gioia. Per questo primo mese lavorerò tutti i giorni full time (dalle 9am alle 5pm) tranne il giovedì, giorno in cui insegno al mattino e sto con le bimbe al pomeriggio.

Sushi con avocado, formaggino e pomodorini secchi: il mio nuovo obiettivo culinario 😋

Da marzo, quando partirà nonna Z, vorrei riuscire a lavorare il martedì dalle 8,30am alle 2pm per poter prendere le bimbe a scuola e magari fargli fare un’altra attività sportiva, così io nel frattempo sistemo le lezioni con il mio super nuovo pc.
Poi si vedrà, un passo alla volta, tenendo in mente i miei obiettivi a lungo termine e cercando di non aver (troppa) fretta di raggiungerli.
Intanto il primo grande risultato è stato ottenuto: da Project Architect ad Environmental Consultant!! Anzi Senior Environmental Consultant, che da un lato vuol dire che sto diventando vecchia, ma dall’altro che mi pagano di più 😜


6 commenti

“Nuova vita” per la Nonna Z.

Siamo rientrati a Perth da ormai 10 giorni, che ovviamente sono già volati.

Finalmente a casa!

G è tornato a lavoro come sempre, con tutti i suoi alti e bassi, e domani è già in partenza per 3 giorni di trasferta!
Le bimbe entusiaste hanno ripreso la scuola. 3G era molto agitata la notte prima dell’inizio, ma adesso ci sballa ad essere finalmente una “Pre-primary girl” nella scuola dei grandi.

I fuochi dell’Australia Day con i nostri amici

Il rientro a Perth è stato molto piacevole, anche perché siamo stati accolti a braccia aperte dai nostri amici M ed A, con la figlia I che è da sempre la migliore amica di 2G.
La sottoscritta ha organizzato alla meglio tutta la baracca in vista dell’inizio del nuovo lavoro quasi full-time di lunedì… Sinceramente cerco di non pensarci troppo e di vivere alla giornata. Farò del mio meglio ma senza annullarmi o almeno lo spero.

150 kg di valige, che dopo varie aggiunte e rimescolamenti durante la sosta forzata a Milano, erano possedute 😵

Ma la vera scoperta di questo 2018 è stata la Nonna Z, che fresca fresca di felice pensionamento, si è gettata alla grande in questo suo nuovo lavoro di nonna australiana.
Al mattino dalle 10 alle 12,30 segue con entusiasmo un corso surreale ma fortunatamente gratuito di inglese nella Chiesa Presbiteriana dietro la scuola, dopo essersi occupata dell’accompagnamento a scuola delle pupe.
In questi giorni ha pranzato con me condividendo con entusiasmo le mie insalate e riso con verdure un po’ folli che si mangiano quaggiù. È sempre pronta ad apprezzare del sushi, è entusiasta della libertà di spazi e del cielo australiano, ma soprattutto ha la capacità di essermi di aiuto rispettando i miei spazi. Davvero un 10 e lode per lei!
Mi ha accompagnato nel recupero al pomeriggio delle bimbe seguita da classica mezz’oretta di gioco dopo la scuola. E mentre io chiacchiero con le mie amiche mamme, lei attacca bottone con mamme che non conosco. “Parla” anche al mio compost chiamandolo “le ragazze” e sta attenda a metterci solo le cose giuste.
È davvero uno spettacolo vederla parlare con tutti, ma proprio tutti, grandi e piccini, esordiendo con un fantastico “sorry, my english is nothing” e poi invece va alla grande. Il corso di inglese è il lunedì, mercoledì e venerdì, così il martedì e giovedì sul terrazzo di casa si studia il libro di grammatica.

Uno dei miei ultimi caffè al bar vista oceano col portatile…o magari no, data la bellezza del nuovo portatile 😍

Da lunedì la faccenda si fa tosta, perché dal mattino alle 8,30 fino alle 17,30 sarà da sola a gestire il tutto, ma sono sicura che andrà alla grande… E appena si sarà sistemata, le faremo friggere le melanzane per la pasta alla norma!!
Grazie Nonna Z per questo inizio in Australia facilitato, nonostante un inizio 2018 in salita!

La nuova piscina all’aperto di Scarborough Beach. Davvero splendida. Peccato solo che per costruirla abbiano distrutto una bella fetta di dune di sabbia che proteggono la spiaggia. Avessero strutturato meglio il parcheggio, tutto l’intervento avrebbe avuto un impatto ambientale molto inferiore. Purtroppo questa sensibilità ancora non c’è. Spero tanto arrivi prima o poi! 🙄

Ps: io sto diventando un’ esperta in ambito assicurazioni mediche private in Australia. Spero un giorno di avere il tempo di scrivere un post dettagliato.

Magari proverò a registrare un vocal…chissà come si fa?!!?


6 commenti

Vita di Quartiere! 

Non avrei mai pensato che la “vita di quartiere” mi potesse piacere!

Io che sono sempre stata una milanese super di corsa ed abbastanza scontrosa, principalmente per difendermi dagli sguardi “trapananti” e giudicatori di certe “stronze” milanesi fin dai tempi della scuola, ho dovuto riscoprire questo mio lato “sociale”.

In realtà già dall’esperienza di Genova mi sono riscoperta un animale sociale e oggettivamente gli sguardi “stronzi ed inquisitori” che anche a Genova ci sono, mi facevano un baffo rispetto a quelli della mia scuola chic di Milano. O molto più semplicemente sono io che sono cresciuta, sono molto più sicura di me e se anche sono vestita male e qualcuno mi squadra, me ne frego alla grande! 

Qui a Perth viviamo in un quartiere abbastanza chic, ma c’è un buon mix di fauna locale e quindi in mezzo a tante mamme aggressive, ce ne sono tante altre alla mano con cui è possibile fare delle piacevoli chiacchiere e stringere delle belle amicizie. 

C’è un buon senso di “community”, parola che fino a qualche anno fa mi avrebbe fatto inorridire, ma vissuto come lo vivo io, cioè come una rete di supporto di famiglie che gravitano intorno alla scuola e mi danno supporto in caso di necessità, mi dona molta serenità!

Questo terzo anno a Perth si è rivelato un anno molto produttivo di maggiore inserimento nella realtà locale. Perché ci vuole tempo per farsi apprezzare ed accettare, perché i tuoi figli vengano invitati nelle case per dei playdate dopo la scuola e qualcuno ti inviti anche per un bbq durante il weekend.

Io cerco di essere me stessa, di fare le mie cose in modo genuino e di conoscere persone che a pelle mi stanno simpatiche. Non ho l’obiettivo di diventare la “mamma reginetta” della scuola, ma di stare bene e di conoscere persone interessanti. Ma ci vuole dedizione, costanza e tanta pazienza, perché sei tu quello nuovo che per quanto ne sanno “loro” potrebbe anche arrivare da Marte 😂

Esercizi di italiano per una streghetta ormai quasi in terza elementare

E così passin passetto gli inviti stanno aumentando anche grazie al fatto che ogni anno le bimbe cambiano compagni di classe e così si ha modo di conoscere meglio altri bimbi e famiglie. E le persone piacevoli conosciute gli anni passati rimangono comunque nella cerchia delle frequentazioni. Poi ci sono anche le varie attività sportive al pomeriggio e durante il weekend che ampliano ancora di più le amicizie.

Martedi per esempio abbiamo fatto la passeggiata per Halloween del Trick or Treat per le case del quartiere ed è stato divertente per tutti! 

E per una piccolina che a Febbraio inizierà Pre-primary

Pensate che ho anche partecipato alla prima riunione del temutissimo P&C, ovvero la riunione tra la preside della scuola ed i suoi stretti collaboratori, con un gruppo di presentissimi genitori che tengono d’occhio la scuola e coordinano una marea di attività extrascolastiche.

Sono stata invitata all’ultimo da un papà della scuola che avevo inserito nel mio mirino dei contatti per votare a favore di un progetto per introdurre la Sostenibilità Ambientale a scuola. Potevo tirarmi indietro? Ovviamente no! 2 ore e passa di riunione in cui ho ascoltato tutti caxxi della scuola, scoperto cose che non sapevo… Poi finalmente ho votato e speravo di squagliarmela di nascosto… Quando invece sono stata ufficialmente presentata come Architetto che si occupa di Sostenibilità! Ho farfugliato qualcosa di mediamente sensato e da gennaio dovrei far parte fel comitato dei genitori per la sostenibilità ambientale, yay!!! 🎆

Ecco perché sono così restia a cambiare quartiere nel caso comprassimo casa, perché non ho voglia di ricominciare tutto da capo! Non sarebbe ricominciare da zero perché in questi 3 anni ho maturato un bel po’ di esperienza nell’abbordaggio mamme a scuola (ed offrire il caffè funziona in tutto il mondo 😁), ma dovrei comunque investire di nuovo tanto tempo ed energie.

Al momento riesco a farlo perché ho un lavoro part time e me ne rendo conto solo ora che diamine, ce l’ho fatta, ho un lavoro part time col quale almeno mi ripago la tata del mattino e posso stare con le bimbe al pomeriggio… ma tutto potrebbe cambiare in un attimo come Perth è maestra nel fare 🙃🙃 

Ho anche iniziato i miei turni come Waste Educator Officer e a fine novembre farò un corso di specializzazione per docenti per poter insegnare anche al TAFE. Insomma, una cosa tira l’altra! 

MA sempre più produttiva in cucina perché… mannaggia se queste bimbe mangiano!!! Non oso immaginare chi ha 2 figli maschi 😂

Cosi mi cerco di godere al massimo ogni momento di questo mese di Novembre: questa mattina siamo andate a scuola a piedi, la prima volta di 2G in bici su per la grande salita. 3G è al parco con la tata ed un’amichetta del kindy, ma le ho promesso che poi mangiamo insieme sul terrazzo. Weekend scorso ho fatto pure “Stranamore” per una coppia divisa tra Italia e Perth. 

Ho anche iniziato ad organizzare la partenza per le vacanze di Natale in Italia, che chissà cosa ci riserverà a livello emotivo. Spero invece nessuna sorpresa a livello aeronautico!!

E dedico le mie energie positive alle amiche nel mondo che stanno affrontando sfide molto più difficili delle mie 💪💪😉😘😘


7 commenti

L’Arte di “Ammorbidirsi” 

Una delle scoperte più importanti di questa avventura australiana è stata capire l’importanza dell’arte dell’ammorbidirsi e del scendere a compromessi, insieme all’imparare a chiedere aiuto alle persone vicine e lontane.

Sabato ho partecipato ad un Repair Lab dove ho sistemato il mio amato zainetto

Si tratta di una grande scoperta per me che di indole appartengo alla tipologia “mi spezzo ma non mi piego”… E qui la vita a testa in giù ti spezza in un attimo! Così lontani da casa, così tutto diverso anche se all’apparenza tutto sembra molto simile al nostro modo di vivere italiano. Forse è questa apparente somiglianza che ti frega! 

Ovviamente averne capito l’importanza non vuol dire metterla in pratica costantemente, tutt’altro. Però almeno è un pensiero presente nel mio retro cervello che ogni tanto mi aiuta. 

Così oggi FINALMENTE ricomincia la scuola, perché queste 2 settimane ed 1 giorno con le bimbe a casa, malate e/o annoiate perché dovevano stare con la babysitter al mattino mentre io lavoravo da casa sono state moooolto intense. Per me le School Holidays sono sempre intense perché sono un animale indipendente, amo fare le mie cose al mattino, sia personali che di lavoro, e nonostante cerchi di prepararmi psicologicamente in anticipo, ogni volta mi irrigidisco. Poi ovviamente gli impegni lavorativi finiscono per condensarsi tutti in quelle due settimane. Insomma, prossima volta cercherò di fare meglio💪

Questa volta anche il meteo ballerino non ha aiutato e ci ha costretto a cancellare il nostro weekend “fuori porta” a margaret river, quello stacco a cavallo delle school holidays che aveva funzionato alla grande le scorse volte. Bali ovviamente ha fatto il resto. Ma vabbè, pensiamo positivo 😂

Nota positivissima è aver trovato posto al Ningaloo Reef per Pasqua ed aver ricevuto più di 20 offerte via mail per la nostra fuga romantica di Gennaio in Val Gardena! 

3G è sempre volubile, a tratti isterica, la notte continua a chiamare e di giorno non sa nemmeno lei cosa vuole. Dopo la quinta malattia e l’otite, ora stiamo combattendo gli ossiuri (thread worms). Domani col GP (medico della mutua) ci andrò giù pesante per farle fare un bel check up e capire se ha qualche altro virus o se questa agitazione è tutta farina del suo sacco. 

Anche 2G ha fatto un bello scatto di crescita, snobba la sorella quando le chiede di giocare e si rinchiude spesso in camera sua. 

Che bello mamma sei a casa! 😂

(PS: il cane non è mio, ahimè! Immagine presa da qui

L’ opzione cane quando le figlie saranno in piena adolescenza si fa sempre più interessante: così almeno qualcuno sarà felice di vedermi quando torno a casa 😬

I due corsi di Revit e Progettazione Architettonica che sto tendendo non sono affatto una passeggiata di salute e tra poco 8 donzelle agitate pure loro mi aspettano al varco con mille scuse per non essere riuscite a completare i loro assessment (prove intermedie): cercherò di sorridere ed ammorbidirmi, facile no?!!? 

Davanti ad un bel cappuccino caldo, magari si! 


4 commenti

Benvenuto Ottobre! 

Il mese di Settembre è passato e mi ha semplicemente “asfaltato”!  😢

Non potendo fuggire, mi consolo con la tisana 😉

Nessun problema grave per fortuna, ma solo una serie di sfighette e cambi di programma non graditi. Ecco un breve sunto:

1) Bali yoga retreat: a giugno avevo deciso di andare nel cuore di Bali con la mia amica M. a fare un super yoga Retreat. 6 giorni da sola a fare yoga, un sogno ma anche tanta agitazione per la gestione della famiglia, il fatto di andare in Indonesia da sola con un aereo etc etc.

Ieri la decisione finale: causa rischio eruzione del vulcano più grande di Bali, il viaggio è stato annullato. Grande la delusione ed il calo di adrenalina, ora ci resta la rogna di recuperare i soldi tramite l’assicurazione!

2) Malanni: 3G è stata bene tutto l’anno. Dal 6 di settembre però è sempre malata tra la sesta malattia, raffreddori costanti ed ora otite. La notte è un continuo svegliarsi urlando, di giorno è davvero tosta da intrattenere e sinceramente sono a pezzi!

3) Il nuovo lavoro come Waste Officer per un comune a sud del fiume si è rivelato una fregatura, nel senso che hanno definito i turni, io ho dato la disponibilità il mercoledì ed il giovedì e mi sono organizzata facendo i salti mortali tra tate ed asilo per 3G…ma non ho ancora lavorato nemmeno un giorno perché il lavoro viene completato nei primi 2 giorni della settimana ed i turni restanti vengono annullati con 24 ore di preavviso! 

Morale lunedì chiamo asilo e cancello 3G da tutti i giorni extra che avevo prenotato, sperando così che il numero di malanni diminuisca drasticamente!

4) Acquisto casa: dopo un mese e mezzo di ricerche, una media di 4 case visitate ogni sabato correndo da un quartiere all’altro e serate passate a guardare case al computer, 2 offerte scritte ed un’asta per una casa carina e innumerevoli albe in bianco per l’agitazione di MA che non era molto convinta di investire tutti i nostri risparmi ed aprire un mutuo 30ennale in una casa che, se tutto andava bene avremmo rivenduto tra massimo 5 anni, il marito ha (FORSE) deciso che in effetti l’investimento era troppo rischioso 😂😂.

La “casettina” di cui G si era innamorato…

Ora sta valutando di cambiare casa in affitto.

Io sto valutando un altro yoga Retreat… A tempo indeterminato però 😈!!!!

5) School Holidays: siamo a metà delle amate school holidays, con 3G malata, 2G che si annoia e noi madri che cerchiamo di aiutarci e così ho una media di 3/4 bambini per casa….e io dovrei lavorare da casa. 😳

Ora le note positive!

1) È Ottobre e spero di ripartire col piede giusto

2) Il mio primo evento organizzato per le United Nations of Australia – WA dal titolo “Sustainable Cities and Communities” è stato un successone, con più di 50 partecipanti 💪.

Mi sono occupata di tutta l’organizzazione, dal trovare gli speakers ad organizzare l’aperitivo e cucinare, a spargere la voce tra tutti i miei contatti lavorativi. Ho ricevuto tantissimo supporto da amici e colleghi e sono molto soddisfatta 😉

Il mio primo evento!

3) Nuove possibili opportunità lavorative: grazie all’evento ho conosciuto personalmente colleghi di varie società ed università e spero che in futuro possa nascere qualcosa di buono.

4) Interviste alla radio: grazie ad un contatto di G (diamo il giusto merito al marito!!!), ho registrato già 3 interviste per un programma in italiano di una radio australiana sul tema Sostenibilità Ambientale e siamo in contatto per registrare una mini serie sul tema 😉

Insomma, niente di drammatico con buone prospettive per il futuro. Spero solo che 3G la smetta di ammalarsi, in modo da riavere di nuovo la mia bambina attiva, sorridente, simpatica ma soprattutto indipendente 😍

Ps: so bene che questi malanni sono la norma per una bimba di 4 anni, ma ammetto che dopo un anno da favola, avevo perso l’abitudine 😬