parliamodiaustralia

L'avventura di una famiglia expat in Australia (forse)


Lascia un commento

Estate in Alta Valtellina 

​Dieci anni fa per me le vacanze estive erano solo mare, mare, mare, possibilmente isole!
Da quando sono mamma, ho ricominciato ad apprezzare la montagna in estate e le splendide attività che si possono fare.
L’ Alta Valtellina mi è rimasta nel cuore ed ha conquistato anche G e le nostre bimbe.
Ecco la nostra top list di attività con bimbi:
Passeggiate con pranzo in baita:
– Passeggiate di varia lunghezza in Val Viola, una valle ampia ed abbastanza pianeggiante.
Pranzo all’agriturismo Caricc. La passeggiata per raggiungerlo è lunga 2km in totale. 2G (6 anni e mezzo) ha camminato senza problemi. 3G (3 anni) ha camminato all’andata e si è fatta portare nello zaino da G al ritorno dopo pranzo. 

La baita in legno è aperta anche in inverno. Bella l’idea di raggiungerla con le ciaspole e passare li la notte. L’ho inserita nella mia wish list per le prossime vacanze invernali sulle Alpi 😉
Pranzo alla Baita dell’All. Ci si arriva a piedi seguendo una strada breve ma ripida e si può proseguire lungo la valle. Tipica baita in legno ristrutturata in stile con ottimo pranzo e cena a menù fisso tipico Valtellinese.
Ghiacciaio dei forni:

– Baita dei Forni ai piedi dell’omonimo ghiacciaio. Si raggiunge tramite una bella strada nel bosco (costo del parcheggio 3,5€). Dal parcheggio partono varie passeggiate. Noi abbiamo raggiunto il Rifugio dei Forni con una passeggiata abbastanza impegnativa di 40 minuti. Le nonne e nipotine sono salite invece con il servizio jeep che parte dalla Baita. Paesaggio stupendo e qualche fischio di marmotta 😉
Pranzo alla Baita dei Forni molto buono, specialmente tutti i piatti a base di farina di segale!
Da provare in futuro: Agriturismo La Casetta della Zia Edda a S. Caterina Valfurva, fuori dal paese verso il Ghiacciaio dei Forni
Per adulti deve essere molto bello il giro del confinale (www.girodelconfinale.it)
Attività per bambini:

Larix Park a Livigno: un parco avventura realizzato in un bosco di larici con carrucole e percorsi di equilibrio appesi sugli alti larici
http://www.mottolino.com/it/estate/attivita/larix-park/percorsi


Ad Ardenno, sulla strada verso Milano, vale la pena fermarsi a mangiare all’agriturismo Case dei Baff, con cibo ottimo ed un giardinetto con altalene e qualche scivolo.
In questo momento la Valtellina è il nostro punto base ed il luogo che consideriamo più come casa anche perché abbiamo li tutte le nostre cose che non abbiamo portato a Perth.
I saluti non sono mai facili, ma ci rivedremo alla prossima vacanza 😉
Ps: sono convinta di aver già scritto un post sui nostri luoghi favoriti in Valtellina…chi lo ritrova online mi fa un fischio per favore?


2 commenti

Looking at the bigger picture

​Questi giorni extra di vacanza in montagna sono uno sballo tra magnifici paesaggi, profumi inebrianti ed ovviamente ottimo cibo!


Quello però che mi ha colpito di più è stata l’evoluzione dei miei pensieri, ma soprattutto del mio atteggiamento,  dopo la “folgorazione” del motto “Scialli Ma Carichi”!!!
Nei giorni scorsi avevo scritto alcuni spezzoni di post, che non ho mai pubblicato, dai titoli più svariati tra cui “com’è dura ripartire”, incentrato sul legame nonni/nipoti e “a testa alta con le spalle coperte”, legato al fatto che siamo fortunati ad avere famiglie ed amici in Italia che ci sostengono a 360 gradi. 
Oggi, invece, dopo una fantastica passeggiata in montagna, mi è finalmente parso di riuscire a vedere la nostra esperienza in Western Australia in modo più distaccato, dandogli il giusto peso e valore. Il passaggio più importante credo sia stato il fatto di sentire davvero che si tratta di un’esperienza famigliare, mentre prima, anche se me lo continuavo a ripetere, in cuor mio sentivo che si trattava più di un’esperienza legata alla mia ricerca di soddisfazione professionale, perché in fondo le bimbe a Genova erano più che felici, G aveva un lavoro interessante…ero io quella che scalpitava da un bel po’ di tempo 😉 

Alla luce di ciò, continuerò a cercare un lavoro che mi dia soddisfazioni professionali e che mi permetta di dare il mio contributo economico, solo che magari riuscirò a cercarlo con meno stress e poi a viverlo con meno agitazione…non male come proposito per questa seconda parte del 2016!!

Probabilmente alcuni fastidi di salute, la nostra disavventura aerea e le notizie di cronaca di queste ultime settimane hanno contribuito a farmi ristabilire delle priorità e a farmi vivere in modo diverso ogni singola giornata ed ovviamente stando in vacanza è tutto più facile…vedremo il mese prossimo quando saremo di nuovo laggiù DownUnder 😉 

E voi come state vivendo questo mese ricco di “news”? 


2 commenti

Scialli Ma Carichi

​Scialli Ma Carichi (SMC) è il mio nuovo mantra del momento! 


Ci è stato insegnato dal figlio neo adolescente di un nostro amico di Genova e funziona alla grande: “stai rilassato ma attento a cosa succede intorno a te!”. 

È buffo, ma questa frasetta mi sta aiutando davvero tanto in queste vacanze italiane perché ha permesso al mio cervello iperattivo di rilassarsi, concentrandosi solo sulle cose importanti. È come se andassi in stand by per riattivarmi solo il tempo necessario a fare qualcosa e poi torno in uno stato di super relax…una figata assurda!!! 
Questo mio stato “sciallato” mi permette di ascoltare maggiormente quello che mi dicono gli altri, specialmente G e le bimbe che spesso venivano travolti dalla mia iperattività. Il risultato è che G mi ha convinto a spostare il nostro volo di ritorno a Perth, così da goderci 10 giorni extra di montagna 😉 
Altra nota positiva del mio sciallo, è che riesco a delegare molto di più e a rompere meno le scatole perché una certa cosa venga fatta e devo dire che sto nettamente meglio! 


Buon SMC e speriamo che questi episodi di follia finiscano presto! 


3 commenti

Strategie antipanico (live dalle Isole Egadi) 

​Eccomi bordo mare, anzi per la precisione in un vicoletto vista mare sull’isola di Marettimo,  dopo aver consumato una strepitosa granita al caffè

Sono in vacanza, sto finalmente ricaricando le batterie e tutto mi sembra surreale. Tutto, ma proprio tutto, a partire dal fatto che siamo in vacanza senza bimbe, che stiamo gustando delle prelibatezze da perdere i sensi e che siamo dall’altro capo del mondo.
Come lo scorso natale, ho impiegato almeno una settimana a uscire da quel senso di ubriacatura da fuso orario e da alienazione a sentire parlare tutti italiano, a compiere gesti che non ero più abituata a fare e vedere…insomma vagavo come un’idiota stando sul lato sinistro della strada!!!

La sensazione diffusa è stata quella di estrema felicità per essere (a terra) in vacanza in Italia perché è un paese da favola, ma anche di sensazione di non appertenerle più integralmente. 

D’altro canto le non certezze della nostra vita a Perth si fanno sentire, morale siamo in una specie di limbo che colmiamo a suon di involtini di pesce spada, granite, cannoli, pizze e focacce 😉

La disavventura aerea ha ovviamente lasciato degli strascichi in me, nel senso che ogni tanto ho il timore che un’altra situazione di emergenza possa improvvisamente accadere, specialmente quando sono su un mezzo di trasporto aereo ma anche marino. Insomma mi sono presa una bella strizza e ci vorrà un po’ di tempo a farla andare via. Sto cercando di vedere il lato positivo della cosa e di godermi al massimo ogni giorno perché davvero del doman non vi è certezza!

I casini che stanno succedendo a livello europeo ci fanno pensare che alla fine il nostro progetto di ottenere la cittadinanza australiana non è stata proprio una brutta idea. Come raggiungeremo quell’obiettivo ancora non lo sappiamo, di certo ci saranno ancora tanti aerei…tanto che a un certo punto durante miei deliri ho anche pensato: “il nuovo tunnel del Gottardo potrebbe essere una valida alternativa”!
In realtà io amo viaggiare e vivo nella città più isolata al mondo…perciò io e gli aerei dovremo ritrovare un nuovo equilibrio…chissà se mi posso imbarcare con pane e panelle antipanico 😉 


Ps: la famiglia di G è per metà siciliana… Per farvi due risate guardate qualche sketch di Tesera Mannino, le differenze tra Nord e Sud…è stupendamente esattamente così e io sono Siiiiicca!  😉 

Info utili:
Favignana 
Dormire:

Nido del Pellegrino: molto carino in un luogo fantastico, ma un po’ caro per il servizio offerto. Consiglio di affittare una casa in zona Cala Azzurra, comunque fuori dal paese perché fa tanto caldo. 
Ristoranti:

Il ristorante difianco al bar del corso nella piazzetta del paese. Molto poco turistico con caponata di melanzane e cassatelle da favola

Granita da Ciuri Ciuri

Spiagge:

Da favola! Le nostre preferite: Cala Azzurra e I Faraglioni 

Marettimo:
Consigliatissimo il giro dell’isola con la barca piccola per entrare nelle grotte. Noi ci siamo appoggiati a Francesco di Marettimo Web ed abbiamo passato una splendida giornata. 


5 commenti

Cerco un po’ di relax… 

​Stracchino 

Gelato alla stracciatella 

Focaccia 

Pizza

Gelo di Mellllone con 4 elle

Granita ai gggelsi con 3 g

Nuotate ammmmmmare con almeno 6 emme

Traghetti 

Nuotare senza pensieri (di squali o correnti) 

Orata

Olio di oliva

Pane cunzatu

Brioche col gelato

Tutto condito da chiacchiere e amici… Direi che ci voleva 😉 
Buone vacanze a tutti!