parliamodiaustralia

L'avventura di una famiglia expat in Australia (forse)


1 Commento

Margaret River e dintorni…e ritorno alla realtà!

Abbiamo passato quattro giorni da favola, un prolungamento delle vacanze di natale con un mare da favola ed i fuochi d’artificio del nostro secondo Australia Day.

image

Meelup beach, una delle poche spiagge con ombra e tavoli per pic nic

La conclusione della settimana con rientro a lavoro ed inizio ricerche della tata è stata una mazzata nei denti!!

image

Il paesaggio da far west alla Taunton Farm

Ho però capito che non vorrei una nuova au pair italiana appena arrivata in Australia, perché significherebbe ricominciare tutto da capo ed al momento non ho l’energia. Lo so che lo avevo già dichiarato, ma presa dallo sconforto avevo cercato di convincermi del contrario!!! 😉

image

Piscine naturali lungo il cape to cape trail

Quindi via libera alla Babysitter classica che sarà un grande sbattimento e corsa per me ma ci provo!

image

Paesaggi da favola

Tornando al weekend da favola, ecco i miei nuovi indirizzi Down South:

Dormire: Taunton farm camping e chalet

Merenda, caffè e gelato: Gabriel’s chocolate factory

Cena: Sunset café @ Gracetown. Molto spartano ma pesce buono e tramonto da favola

image

Tramonto a cena

Colazione e mare: White Elephant café e spiaggia @ Prevelly

image

Spiaggia @ Prevelly

Mare: Piscine naturali vicino Yallingup che si raggiungono tramite il sentiero cape to cape

Birrerie per bambini: http://www.margaretriver.com/stories-the-best-family-friendly-breweries-with-playgrounds/

image

Yallingup, una delle mie preferite con piadina quasi romagnola, ombra, prato, parco giochi ed un po' di barriera corallina anti squalo!

Per il resto, lascio parlare le foto 😉

Lunedi inizia la scuola, il nido…e via che si balla!!

image

Pallina per celebrare il nostro 2ndo Australia Day

Annunci


4 commenti

Nuova amicizia con l’Oceano

Siamo appena rientrati da un fantastico week end di mare, ovvero siamo tornati a sud nei luoghi che ci fecero innamorare del Western Australia ormai 9 anni fa in viaggio di nozze!

Eravamo già tornati con mia suocera lo scorso Aprile, ma il tempo era stato variabile e non avevamo fatto il bagno.
Questo week end il clima è stato perfetto e ci siamo fatti delle belle (brevi) nuotate, ole’!

image

La cartina della zona di Yallingup, a ovest di Busselton, 3h di auto a sud di Perth

Il nostro campo base è stato nuovamente il Forte’ Village vicino a Busselton, prenotato tramite Booking. Si tratta di un complesso di villette a schiera su due piani (townhouses) composte da soggiorno, cucina, lavanderia e camera da letto matrimoniale più bagno al piano terra. Una camera matrimoniale, una doppia ed un bagno al primo piano.  Di recente costruzione, sono molto carine, ben arredate e fornite di tutto.
Unico neo è che come al solito sono costruzioni molto leggere senza alcun isolamento termico, perciò al pomeriggio di sopra si schiatta dal caldo ed anche la sera la temperatura rimane alta fino alle 11 di sera, grrr!!! Il piano terra però è bello frescolino 😉

Siamo partiti venerdi alle 15, subito dopo aver recuperato 2G entusiasta da scuola, perché era appena rientrata dalla gita di classe alla prigione di Fremantle. Sia io che G abbiamo ottenuto il pomeriggio libero a lavoro senza problemi, lui in virtù delle mille ore extra che fa ogni giorno in ufficio, io facendo cambio del mio giorno part – time…e via rotta verso sud!

Siamo partiti inisieme ai nostri amici italo – turchi. Loro però sono stati più avventurosi e sono andati in camping. Noi non siamo ancora pronti 😉

Venerdì sera prima tappa a riempirci la panza. Ristorante prescelto La Casina, gestito da un signore di Ravenna con moglie australiana. Menu tutto scritto in Italiano…solo a leggerlo avevamo tutti la salivazione di un mastino napoletano a digiuno da settimane!!
Aspettative assolutamente rispettate: spaziali le bruschette di antipasto, il risotto al sugo di pesce, il pesce spada grigliato e la mousse al cioccolato.

image

Il menu del ristorante in italiano!!

Sabato mattina abbiamo raggiunto i nostri amici al campeggio di Yallingup che si trova a due passi dall’omonima spiaggia ed abbiamo trascorso lì la mattina. Si tratta di una baia spettacolare protetta da una piccola barriera corallina, dove finalmente la sottoscritta si è fatta una bella nuotata senza troppi timori di squali 😉

image

La baia di Yallingup

image

image

Il super parco giochi sopra la spiaggia

image

Yallingup è la patria dei surfisti: anche le docce sonona tema!

Per pranzo siamo andati al baretto vicino alla spiaggia (Shaana Caffè) ed abbiamo trovato altri romagnoli con una piadina spettacolare. Altre chiacchiere, un caffè in compagnia e via verso casa per il riposino. La sera, dopo aver raccontato ai nostri amici la cena della sera prima, siamo tornati al ristorante La Casina ed abbiamo fatto un ottimo bis di cucina italiana di pesce!

image

Prossimo obiettivo: piadina fatta in casa!

Domenica mattina rotta verso Bunker Bay, uno dei luoghi del cuore del nostro viaggio di nozze, con il fichissimo Bunkers Cafe e la casa dei miei sogni!
Anche se non c’era la barriera corallina, mi sono comunque lanciata in un bel bagno…poi è passato un elicottero dei life guard per la protezione dei bagnanti dagli squali a fare un controllo, così sono uscita 😉

image

image

La casa dei miei sogni!

Per pranzo siamo andati alla ricerca di un tavolo per un pic-nic ed abbiamo trovato un angolo fantastico: a bordo mare, sotto gli alberi, con un bel venticello ma soprattutto senza mosche che possono essere molto fastidiose in questa stagione.

image

Dopo la pennica in auto ed un caffè take away a Dunsborough, abbiamo passato il pomeriggio a Meelup Bay per poi fare rientro a Perth in serata.

image

Meelup bay con comode docce ed ampia zona pic nic

Due giorni da favola ed il nostro cuore  torna a ripeterci: “Progetto B&B?”…  Chissà 😉


9 commenti

The Great Southern

Siamo partiti alla volta di Albany verso le h. 13 di venerdì 25 Settembre 2015. Abbiamo fatto la strada interna perché più veloce (la Albany Highway), che scorre tranquilla nel nulla.

image

Nel primo tratto di 100 km non c’è alcuna stazione di servizio fino a Williams, poi ci sono dei mini paesini composti da 4 case ed una pompa di benzina circa ogni 40/60 km. Fa molto Far West, con la strada rossa ed i Road Train che corrono indisturbati.

Ovviamente il nostro cellulare con la sim della Optus non prende, abbiamo deciso quindi di comprarci una ricaricabile della Telstra, che costa di più ma da copertura anche fuori città, principalmente per motivi di sicurezza. Noi viaggiamo sempre di giorno, ma qualsiasi cosa succeda mi sembra intelligente poter chiamare i rinforzi 😉

Dopo una sosta pipi ad Arthur River, siamo arrivati ad Albany verso le 18, cittadina molto tranquilla e fresca. In vero stile Aussie siamo andati subito a mangiare, applicando mentalmente il fuso orario di 1h!

Il posto prescelto era il Rustlers Steak House (http://www.rustlers.com.au) molto buono ed abbondante, sia carne che pesce! Speciali i Prawn Wotons come antipasto, il Red Emperor come main ed il Kid Burger per 2G.

Con la panza bella piena siamo ripartiti verso Denmark alla ricerca del nostro cottage, un appartamentino con due camere da letto, così anche la muova au pair E sarebbe potuta venire con noi. Così è stato e la soluzione prescelta si è rivelata ottima: si chiama Karrak Forest Retreat a 10 minuti di auto dal centro di Denmark.

image

Tra l’altro ho scoperto che si tratta di 3 cottage costruiti con sensibilità rispetto all’ambiente e con un minimo di isolamento ed infatti faceva molto meno freddo che a casa nostra a Perth 😉

Il Sabato mattina siamo andati a fare un giretto a Denmark e poi abbiamo esplorato le varie spiagge tra cui Greens Pool e Shelley Beach.

image

image

image

Per pranzo siamo andati alla Winery The Lake House vicino a Denmark per un buon pranzo rilassato ed a cena G si è cimentato col bbq del nostro cottage.

image

Il laghetto della Lake House

Domenica mattina il tempo non era dei migliori e siamo andati a fare la Tree Top Walk, una camminata su passerelle a 40 metri di altezza tra gli alberi. Davvero impressionante e pure un po’ inquietanti per quanto ondeggiano le passerelle e 2G che mi faceva domande catastrofiche tipo: ” Ma se il vento ora fa cadere un albero ci crolla addosso?” ” Se si rompe una passerella noi cadiamo? ” e così via!
(Qui potete trovare delle foto carine, io ero ko e non ho fatto grandi foto! )

Verso le 12, finita la nostra passeggiata, siamo andati verso Wolpole in cerca di un posto per pranzo, ma purtroppo abbiamo scoperto che questa cittadina è assolutamente da evitare per mangiare, perché ha pochi locali non invitanti. Noi alla fine ci siamo comprati prosciutto e formaggio al Supermercato IGA ed abbiamo improvvisato un picnic sui tavoli dell’info point.
Peccato che facesse freddo e che dopo una giornata di brutto tempo MA abbia ceduto ed abbia detto: “Portatemi a casa, ho la febbre, sono malata”… Trasformato da 3G nel ritornello: Mammalata, Mammalata!!! 😉

Sto infatti scrivendo ora dal mio letto con 38 di febbre, le bimbe sono in salotto con E, G è a fare la spesa per il suo bbq, fuori già è buio ed io spero tanto domani di stare bene per godermi ancora un paio di spiagge prima di rientrare verso Perth e martedi teoricamente rientrare a lavoro!!!

Parte 2:

Continuo il racconto del viaggio con ben una settimana di ritardo perché ahimè il virus intestinale gentilmente passatoci da 3G ci ha demolito per l’intera settimana!!!
Anche G è crollato, dopo averci stoicamente riportato a casa lunedi sera.
Il lunedi, festa nazionale nel Western Australia per festeggiare con mesi di ritardo il compleanno della regina, è stato assai travagliato. Il sole è tornato a splendere, le spiagge erano davvero mozzafiato, ma metà della truppa era fuori uso, il caldo iniziava a farsi sentire e lei 6 ore di macchina per tornare a casa sono state toste, anche perché il giorno di Bank Holiday (festa nazionale) è TUTTO chiuso, ma proprio tutto, anche le stazioni di servizio ed i bagni!!!

Ci siamo comunque goduti alcune spiagge splendide come Elephant Rock e Peaceful Bay,  abbiamo visitato una bella fattoria con tanti animali e siamo poi rientrati facendo la splendida strada numero 1 verso Donnybrook che passa attraverso boschi di alberi altissimi fino ad arrivare a Bunbury e poi via fino a Perth.

image

Elephant Rocks

image

Green Pools vista dall'alto

image

Un canguro super socievole della fattoria

image

Insieme a personaggi un po' strambi...

image

Tipo l'emu!

image

La strada verso Perth

image

E lo splendido tramonto del Western Australia

Siamo sopravvissuti, è stato bello, ma andarci solo per 3 giorni è stata davvero una tirata!

Il rientro in ufficio è stato tosto, io ho dovuto fare una super dieta in bianco per 5 giorni e mi sono completamente “depurata”, ma alla fine ho sconfitto il maledetto virus 😉

Giovedi è arrivato lo Zio L ed è ricominciata la festa per le bimbe. Siamo abbastanza accampati in 6 in casa, ma per ora ce la caviamo bene e ci godiamo le splendide giornate 😉

image

Pappagalli multicolori al parco dietro casa

image

Famigliola di cigni

image

Mister Oceano

image

Ed il nuovo ristorante chic di Swanbourne: The Shore House

Info utili:
– The Great Southern