parliamodiaustralia

L'avventura di una famiglia expat in Australia (forse)

Nippers, a scuola di oceano

Lascia un commento

​Ogni primavera, i Surf Life Saving Centers delle numerose spiagge di Perth organizzano dei bellissimi corsi per bambini, ragazzi e adulti per imparare a conoscere l’oceano.

Bimbi al corso Nippers

Il servizio di salvataggio sulle spiagge è un’istituzione storica per gli australiani, è organizzata benissimo ed è un servizio che si basa quasi solo sull’attività dei volontari.

Il programma per bambini dai 6 ai 12 anni si chiama Nippers ed è pensato per insegnare ai bimbi le regole dell’oceano, fargli prendere confidenza con le onde e le correnti ed imparare ad usare la tavola da surf, standogli sopra sulla pancia (non a fare surf).

Vengono organizzati anche tanti giochi di squadra sulla spiaggia ed è inoltre un’occasione per conoscere nuove famiglie al club.

Attività in mare e giochi sulla sabbia

È sicuramente un bell’impegno per tutta la famiglia perché il corso si svolge tutte le domeniche da ottobre a marzo…dalle 8,30 del mattino fino alle 11,30…ma una volta arrivati davanti all’oceano, si viene subito ripagati della levataccia 😉
2G non era per niente entusiasta dell’idea perché aveva paura che la “buttassero in mezzo alle onde”. Dopo due domeniche invece è entusiasta, soprattutto di prendere le onde con il boogie board.
Anche G è esaltatissimo (ogni bambino deve essere accompagnato da un genitore che rimane in spiaggia a dare una mano come volontario), tanto che si sta allenando per ottenere il certificato Bronze Medallion per poter aiutare i bimbi quando faranno esercizio in acqua.
Personalmente amo l’oceano ma nutro ancora un grande timore per le onde e le correnti e con la scusa di stare con 3G non vado mai dentro l’acqua oltre il ginocchio 😉
Stamattina però G mi ha fatto parlare con il suo istruttore, un omone di 50 anni super muscoloso, di quelli che si fanno tranquillamente la gara di nuoto Rottnest Channel Swim (20 km in mezzo all’oceano da Cottesloe a Rottnest Island), che gentilmente mi ha spiegato a livello teorico come prendere le onde, come comportarsi con le correnti ma soprattutto come riconoscerle. Week end prossimo se voglio, viene con me in acqua e mi porta nella “zona sicura” cioè oltre la linea dove si infrangono le onde.
Oggi non ero psicologicamente pronta, vedremo il prossimo weekend come sarà il mare 😉
Ho voglia di provare e di superare le mie paure anche per non trasmetterle alle mie figlie e per poterle aiutare in caso di bisogno. Certo che ancora devo lavorare sul concetto di “zona sicura” al di là delle onde, perché sinceramente io laggiù sicura non mi ci sento affatto!!!
In tema squali l’istruttore dice che la cosa più semplice è non pensarci…mah vedremo! Per lo meno ho la certezza che lui mi riporterà a riva!!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...