parliamodiaustralia

L'avventura di una famiglia expat in Australia (forse)

Prime impressioni

3 commenti

Eccomi a riportare le prime impressioni in ordine sparso e casuale, così come il mio neurone dopo 30 ore di viaggio 😉

– bello essere in Italia (non dico Casa per evitare di affrontare il classico quesito “ma la casa dov’è?”)

– bello poter spegnere il traduttore istantaneo che si è installato nei nostri cervelli

– ovviamente bello riabbracciare i nostri cari e vedere la gioia nei loro occhi di poterci toccare con mano, specialmente le bimbe!

– bello telefonare agli amici senza problemi di fuso

– spettacolari il cielo blu e le montagne intorno al lago di Lecco

– un dato di fatto la nebbia ed il grigio di Milano. Il mio cervello rifiuta di fare paragoni con il verde della città di Perth

– però penso a che occasione stia perdendo Perth nel trasformarsi in una “vera” città super verde e sostenibile, invece che nella solita città di bassa qualità con pochi mezzi pubblici

– un trionfo di sapori il pranzo e la cena  di Natale, a base di pesce per la sottoscritta 😉

– lo Yomo al caffè: un rito della mia colazione per anni. Ma soprattutto uno yogurt non dolce. Tutti i cibi a perth sono iper zuccherati ed io non amo i dolci e non digerisco lo zucchero, fate un po’ voi!

– le macchine che viaggiano a destra sono un flash. Le corsie sono piccole ed i parcheggi minuscoli. Le gallerie con le macchine che cambiamo corsia a zig zag sono da videogame. Le rotonde per il mio cervello qui si fanno al contrario!!!

– l’emozione sul viso di 2G e l’interesse di 3G per tutto quello che vede, perché tutto per lei è nuovo, sono uno spettacolo

– la mia serenità ed il mio atteggiamento mutato, molto più pacifico e conciliante, io che non faccio “conciliante” di secondo nome!!!  Probabilmente perché so che queste sono occasioni rare e che vale la pena godersele al massimo. Che fare i soliti commenti su situazioni che sono così da una vita non porta a nulla: l’esempio anglosassone del non fare polemiche inutili mi ha influenzato positivamente

– la gioia di organizzare cene ed incontri con amici che vivono in giro per il nord Italia, perché in confronto al Western Australia qui è tutto vicino

– il profumo inebriante della montagna

– gli interni delle case con materiali veri come legno e pietra, che regalano tutto il loro calore

image

L'agriturismo dove abbiamo pranzato durante il viaggio verso la montagna

– il menu che sa di casa con prodotti tipo bresaola, speak e ragu di cervo

– un caffettino dopo pranzo

– la radio italiana in auto

– sentire tutti che parlano italiano non mi fa effetto, però mi fa strano che gli altri capiscano ciò che dico…e mi sembra che tutti stiano ad ascoltarmi!!!

– rettifico il punto precedente: dopo un pomeriggio di spesa in paese affollato di vacanzieri arrivati in montagna come noi il 26 dicembre, mi domando perché spesso la gente non stia mai zitta, dica un mare di ovvietà quando è in coda ad aspettare, e se anche io abbia quel fortissimo accento lumbard!!!

– 3G che fa mille domande ed io che spiego l’ABC, dal tram al cameriere, dalla neve al tragitto in auto. Sembra che veniamo da Marte. Io mi esprimo in un italiano molto curato con descrizioni tipo guida del Touring perché questo viaggio in Italia ha anche un’importante valenza culturale e linguistica 😉

– l’aperitivo al nostro bar preferito in montagna, gestito da un caro amico. Uno di quelli che ha sempre fatto il tifo per noi e raggiante attendeva i nostri racconti: bello e buono!

image

Aperitivo con stuzzichini (buoni): un lusso per noi!!!

– la fuga dai dialoghi di cortesia, con quelle persone “di famiglia” che conosci da una vita ma non avete alcun interesse in comune e proprio non hai voglia di mettere su il disco

– il banco dei formaggi tipici: G era sull’orlo ddlla commozione

– l’acquisto dello stracchino: un momento speciale. Non ho ancora osato aprirlo…troppo stanca stasera per fargli onore

– uno su tutti: il bidet!!!

Direi che come primi due giorni in Italia non è male. Ora un solo desiderio: svenire ne letto 😉

Annunci

3 thoughts on “Prime impressioni

  1. La commozione davanti al banco dei formaggi mi ha fatto morire ma io so che e’ vera!! La cosa meravigliosa di andarsene e’ tornare perche’ ci sono emozioni che l’Italia non ci avrebbe mai regalato se non ce ne fossimo andati !

    Mi piace

  2. Bentornati .. Non vedo l’ora di abbracciarvi!!!!

    Mi piace

  3. Lo stracchino e il bidet…due must del rientro in Italia!!!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...