parliamodiaustralia

L'avventura di una famiglia expat in Australia (forse)

Perché Perth?

17 commenti

A seguito del mio post e dei commenti degli scorsi giorni, mi è venuto naturale scrivere un post dedicato al “Perché Perth?”

Perché SI:
Perché abitiamo a due passi dall’Oceano Indiano con tramonti da favola
Perché stiamo facendo una bella esperienza internazionale
Perché le mie figlie stanno crescendo bilingui
Perché le mie figlie si godono un’infanzia all’aria aperta e sicura come quando io ero piccola e giocavo in montagna da sola d’estate e forse anche a Milano era più tranquillo
Perché ho un lavoro da architetto con orario flessibile e (quasi) da dipendente
Perché la scuola punta molto sull’autonomia degli studenti e sulla loro soddisfazione personale
Perché stiamo facendo nuove amicizie interessanti
Perché il cielo è di un blu e di una luminosità estrema
Perché c’è una natura sfavillante anche in città ed anche la sera si sentono gli uccellini che cinguettano

Perché NO?
Principalmente per la distanza da tutto e da tutti, motivazione che nelle giornate NO spazza via tutto l’elenco dei SI!
Perché vedere i genitori che invecchiano è dura, vedere le pance che diventano neonati ed i neonati che ti rispondo via skype è una bella botta…per fortuna che gli amici ci sembrano sempre uguali!!!  😉

Ci vediamo a Natale, con una programmazione degna da Tour degli U2…

Aggiornamento in seguito agli eventi di Parigi: qui siamo davvero isolati da tutto il mondo, in un’isola che più che definire “felice” la definirei “disinteressata” nel senso che non si parla granché dei fatti quotidiani.
Anche se siamo lontani, gli eventi di Parigi ci hanno molto scosso.
Un’amica mi ha suggerito questo articolo che trovo molto bello…

C’è una nota positiva in questi giorni, oltre al compleanno della mia bimba: ho perso la mia fede nuziale e dopo un giorno di ricerche rivoltando la casa, l’ho ritrovata in pattumiera in garage…l’avevo buttata io inavvertitamente sistemando il mio comodino in modo compulsivo la sera dopo la festa…troppe pulizie fanno male 😉

Annunci

17 thoughts on “Perché Perth?

  1. Mi piace il tuo elenco dei SI!

    Mi piace

  2. Perth è una città meravigliosa, in uno degli stati più belli d’Australia, perciò direi che ci sono tantissimi SI!

    Mi piace

    • È vero, ci sono tantissimi SI, evviva! Siamo un po’ scettici, oltre che per la distanza, per la questione “profondità” della società, nel senso che è bello vivere in una città dove non si hanno grandi preoccupazioni, ma il mondo “vero” è diverso e soprattutto con quale senso critico potranno crescere le mie figlie? Basteranno la famiglia ed i viaggi a fargli aprire la mente o forse la tanto denigrata scuola Italiana tanto male non è?
      Tu cosa ne pensi e come ti pare la realtà a Sydney?
      Grazie

      Mi piace

      • Sicuramente Perth è una città molto isolata in una nazione già di per sè isolata. Io qui mi sento “un po’ fuori dal mondo”, ma c’è da dire che basta poco per sentirsi coinvolti. Le notizie arrivano anche qui, ci sono anche qui manifestazioni e modi per sentirsi parte della società civile. Capisco cosa intendi per “profondità” della società, ma se guardo mio marito, nato, cresciuto ed educato qui, non posso che stare tranquilla: se date buone basi alle bambine, fate loro scoprire il mondo, e le crescete con forti radici italiane, non potranno che essere splendide ragazze e donne una volta cresciute. Poi già il fatto di essere italiane e di crescere in Australia penso che faccia sì che siano aperte di mente! Tu che dici?

        Mi piace

      • Speravo in una risposta così 😉
        Sono fiduciosa che il nostro contributo possa fare la differenza e che i numerosi viaggi possano essere di aiuto. D’altronde si può crescere anche in Italia senza senso critico se non c’è l’interesse prima di tutto delle famiglie.
        Di certo il fatto che nessuno a scuola o a lavoro abbia speso una parola su Parigi, ci ha un po’ lasciati di stucco.

        Perth è una città che è nata e prospera solo grazie alle attività di mining che non sono proprio un toccasana per il territorio (e mio marito fa parte di quel settore). Il secondo settore trainante è l’edilizia, di cui io faccio parte, e che è foraggiata dai soldi del mining. Ogni giorno nel mio piccolo vedo quante preziose occasioni progettuali stanno perdendo perché trainati dalla non conoscenza e dal profitto economico degli immobiliaristi stile anni ’70 in Italia.
        Io non sono “nessuno” , ma se provo a porre delle domande in ufficio uscendo un po’ dal seminato, ottengo risposte alquanto disaramanti…
        Non so, piccoli indizi qua e là che ci fanno riflettere, forse anche Perth ha solo bisogno di tempo per capire che la natura ed il turismo possono essere davvero un’ottima soluzione a lungo termine per il benessere di tutti…
        Ops, sono andata fuori tema come a scuola 😉

        Mi piace

      • Aahahah, non ti preoccupare, capisco cosa intendi. Mi fa davvero specie che in Australia, così attenta al territorio e al turismo, ci siano settori così prominenti dove l’ambiente non è considerato una risorsa… Ma pare che il mining sia ormai in discesa, quindi forse giungerà presto il momento in cui Perth dovrà fare i conti con la realtà…

        Mi piace

      • E il paradosso è che noi siamo qui grazie a quello!!!
        Si vedrà 😉
        Ps: per aggiornarmi sulle notizie italiane uso la App de Il Post con cui mi trovo molto bene.
        Mi sai consigliare una App per news su questo emisfero? Grazie mille

        Mi piace

      • Io di app non ne uso, guardo il sito online del Sydney Morning Herald o direttamente BBC… ma se vuoi chiedo al marito che lui ne usa! Ma la vuoi di news australiane?

        Mi piace

      • Internazionali più orientato verso l’Australia 😉

        Mi piace

      • ok, mi informo e ti faccio sapere!

        Mi piace

  3. Anche io sono rimasta un po’ sorpresa del fatto che mentre tutti telegiornali internazionali (bbc, cnn, skynews etc.) riportavano continuamente notizie da Parigi, nessuno abbia fatto un accenno e tutto e’ proseguito nel modo piu’ normale possibile. Mi sembrava surreale ma c’e’ anche da dire che in questi 4 anni di vita australiana e frequentazioni australiane tra le altre, non mi e’ mai sembrato che ci fosse un interesse sfegatato per quello che accade nella vecchia Europa, che cosi loro la vedono, vecchia e superata.
    Quando pero’ si e’ trattato dei rifugiati che attraversano l’Europa in cerca di frontiere aperte per entrare in Germania i commenti li ho sentiti da ogni parte, forse perche’ la questione immigrati clandestini o rifugiati, la riconoscono piu’ come propria?! Non saprei…Comunque pur non avendo figli capisco le tue perplessita’ riguardo al fatto di farli crescere qui e penso che secondo me sei molto precoce, come sempre mi sembri tu! E’ un complimento intendiamoci, solo che secondo me siete li solo da un anno, se anche diventassero 5 anni che male puo’ fare alle tue bimbe crescere in una realta’ cosi pulita? Dopo magari ci penserete meglio ma al momento mi sembra una bella esperienza, sul lungo termine non saprei, meglio che me ne sto zitta perche’ in effetti anche io penso che vivere in una bolla come l’Australia che e’ la super provincia geografica del mondo non aiuti a sviluppare personalita’ complesse e determinate come il mondo richiede ma magari sono solo io che la vedo cosi e poi ripeto, e’ presto per decidere a riguardo, godetevela!

    Mi piace

    • Grazie della tua opinione. Credo che faccia parte di questo nostro primo anno in cui stiamo capendo meglio la città in cui viviamo.
      D’altronde ce lo dissero tutti fin dall’inizio: Perth va bene finché i bimbi fanno la Primary school, poi ci penserei!
      Abbiamo ancora tempo per fortuna 😉

      Mi piace

  4. Condivido il tuo pensiero su come la mentalita’ in edilizia sia abbastanza arretrata… e come il turismo non sia visto come una fonte di guadagno e di business! E’ cosi’ diverso dall’Italia! Qui veramente potrebbero sfruttare la natura, rispettandola e attrarre un sacco di turisti anche solo per le loro spiagge. Cmq ci stanno provando, come il progetto di costruire quella specie di pista da sci indoor senza nemmeno la neve! Capisco che sarebbe l’unica in Australia.. ma qui secondo me devono puntare sulle spiagge e l’outdoor!! Molto meglio la proposta di fare una grande piscina con onde per imparare il surf semmai.. sia perche’ le condizioni perfette per il surf in mare si trovano non sempre e solo in alcuni orari, sia x chi vuole imparare.. ma anche xche’ sarebbe a cielo aperto! Non c’e clima migliore di quello di perth! Come on australiani svegliatevi! ahhahaha cmq sia per quanto riguarda la preoccupazione delle bambine…secondo me non hai nulla di che preoccuparti, la penso come Claudia. Gia’ saranno aperte di vedute perche’ vengono dall’Italia, parlano due lingue, hanno la cultura italiana nel sangue.. ameranno sempre viaggiare e scoprire cose nuove. L’Italia e’ piena di gente dalle vedute ristrette nonostante sia cresciuta proprio li, anzi proprio perche’ e’ cresciuta in italia e non si e’ mai confrontata con niente di diverso. L’Australia e’ un paese dinamico, e con le giuste stimolazioni i bambini hanno tanto da apprendere, e qui la meritocrazia esiste per cui gli sforzi ripagano. Mi fermo qui xche scrivo commento piu’ lungo del tuo post! ahah

    Mi piace

  5. Ah e vorrei aggiungere….ho un moroso australiano ma devo dire la verita’… gli australiani si sono preoccupati di quanto successo a Parigi finche’ non hanno avuto la certezza che nessun australiano fosse morto negli attentati. Quando sono stati certi di cio’…….argomento chiuso.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...