parliamodiaustralia

L'avventura di una famiglia expat in Australia (forse)

W LinkedIn

5 commenti

Inizio con una premessa: sono una persona molto pratica, che non bada alle apparenze (o almeno ci provo) ed ho sempre odiato le cosiddette Public Relations!

Invece eccomi qui dall’altro capo del mondo ad attaccare bottone anche con i vasi di fiori, a chiamare professionisti sconosciuti al telefono solo per il fatto che qualcuno me li ha consigliati e a mandare mail di “abbordaggio” via LinkedIn.

È da circa un mese che ho iniziato a cercare lavoro e sono partita rispondendo agli annunci su seek con il mio cv in formato semi europeo.
Poi un’amica mi ha fatto avere il suo cv in formato australiano, così ho modificato il mio per l’ennesima volta ed ho continuato a rispondere agli annunci ottenendo per ora solo un colloquio a Freemantle che non è andato a buon fine.

Tramite la mia amica italiana B. ho conosciuto una sua amica architetto di origini svizzere che mi ha consigliato su quali studi puntare.
Un altro architetto italiano mi ha consigliato più o meno gli stessi studie di enfatizzare la mia esperienza col software di disegno Revit.

A quel punto ho iniziato a guardare i siti di questi studi, a contattare i capo progetto via linkedin ed a mandare la mia autocandidatura (letter of interest) a chi accettava il mio contatto.
Due architetti molto gentili hanno poi inoltrato il mio cv ai loro capi, anche se al momento non stanno cercando nuovi collaboratori.

Parallelamente ho iniziato a mandare la mia letter of interest agli studi che hanno pubblicato annunci su Seek (il portale più usato per le offerte di lavoro) ed un architetto, di nuovo di Freemantle, mi ha chiesto di mandargli il mio portfolio.
Nel frattempo l’unico recruiter di tutta l’Australia che si occupa di architetti mi ha detto in modo molto carino che il mio portfolio (raccolta dei progetti fatti) faceva un po’ schifo, ma fortunatamente mi ha mandato anche un esempio. Dopo la mazzata del portfolio ero assai abbattuta, anche perché la parte grafica non è proprio il mio forte da sempre, i concorsi mi mandano in crisi ed ho la fantasia di un ingegnere 😉 Insomma come dicevo all’inizio sono una persona molto pratica, riesco a gestire bene gli spazi, in cantiere sono un mastino…ma il portfolio vi prego NOOOOOOO!  Però di lì devo passare e quindi durante il weekend nel delirio di casa gli ho dato una bella sistemata 😉

Oggi ho variato un poco la mia mail di abbordaggio su LinkedIn: dal propormi in modo diretto al chiedere un incontro per discutere di sostenibilità ambientale ed ESD ovvero Energy-Saving Design (sigla che ho scoperto oggi e che ho prontamente sostituito sul mio profilo). Uno mi ha appena risposto che non hanno bisogno, vediamo se qualcun altro ha voglia di fare due chiacchiere.

Domani sarà la volta di modificare di nuovo il mio cv puntando sul software Revit, ovvero gonfiando la mia esperienza ed inserendo tutte le skills richieste nell’annuncio. Un approccio che mi fa schifo ma che molti uomini mi hanno consigliato di attuare perché qui il livello è mediamente basso e non è giusto che io mi ponga dei freni da sola solo perché non sono il guru di Revit. Il concetto è: “Sai accendere il software e fare qualche cosa? ” ed io:” Si, certo ” e loro:” Allora sei a posto!!!!! ”

Ovviamente subito dopo aver mandato via il nuovo cv mi metterò ad esercitarmi su Revit come una matta, perché non c’è niente da fare: sono una precisetta e fare figure di m….  proprio non mi va!  😉

Ah, dimenticavo poi del workshop, in cui sono riuscita a farmi presentare anche il sindaco del quartiere di Vincent, che dovrebbe inoltrare il mio cv ad un paio di suoi amici arch!!!

image

P. S: l’oceano mi ricarica alla grande 😉

Annunci

5 thoughts on “W LinkedIn

  1. Più che l’oceano: sei una bomba ^_^

    Mi piace

  2. Purtroppo e’ molto vero che qui lo stile del CV e la cover letter sono importantissimi. E solitamente devono essere modificati in base all’annuncio. Due scatole, ma purtroppo funziona cosi!

    Mi piace

    • Il nuovo trend sembra essere il cv tipo LinkedIn, con il “summary” all’interno del cv che sostituisce la cover letter. Di solito io inserisco una breve cover letter come testo della mail. Cerco sempre di mandare direttamente la mail allo studio invece che applicare tramite Seek perché mi sembra essere più efficace in termini di riscontro… Chissà! Questa notte mi sono trasformata in un guru di Revit 😉 In effetti sul web trovi tutte le indicazioni…

      Mi piace

      • Io fare domanda sia tramite Seek che contattando direttamente lo studio. Comunque dipende molto dall’industria, nel mio settore la cover letter e’ molto importante. Dai, speriamo che con tutti questi sforzi, qualcosa salti fuori!

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...